Ryanair: Codacons, immensi disagi a passeggeri per sciopero

10 agosto 2018 12.22


ROMA (MF-DJ)--Migliaia di viaggiatori sono oggi coinvolti dall'ennesimo
sciopero dei dipendenti Ryanair, attuato in pieno periodo di partenze
estive, coinvolgendo anche i cittadini italiani, spiega il Codacons. In
tale situazione i passeggeri hanno diritto per legge non solo al rimborso
del biglietto, ma anche alla compensazione pecuniaria in caso di volo
cancellato o di ritardo nell'arrivo a destinazione, fino ad un massimo di
600 euro a utente.

Cosi' il Codacons denununcia in una nota gli "immensi disagi" per gli
utenti del trasporto aereo a causa dello sciopero indetto per oggi dai
piloti Ryanair, che ha portato allo stop ai voli in 5 Paesi sui 37 in cui
e' attiva la compagnia.

Per lo sciopero del 25 e 26 luglio scorsi Ryanair ha informato il
Codacons che: "mai hanegato il diritto dei passeggeri di ottenere il
rimborso del prezzo dei biglietti in relazione a voli cancellati. Ne',
tantomeno, Ryanair ha mai negato il pagamento della compensazione
pecuniaria ai sensi del Regolamento (CE) 261/2004 ai passeggeri che ne
avevano diritto. Ryanair ha provveduto all'integrale rimborso del costo
dei biglietti acquistati per i voli cancellati nelle giornate del 25 e 26
luglio al 60% dei passeggeri prenotati. Nel 30% dei casi i passeggeri
hanno invece chiesto ed ottenuto la gratuita riprotezione su voli
alternativi. Per quanto riguarda il restante 10% dei casi, i passeggeri
non hanno richiesto ne' il rimborso ne' la riprotezione. La comunicazione
inviata da Ryanair a tutti i passeggeri a seguito della cancellazione dei
voli del 25 e 26 luglio contiene un esplicito riferimento ai diritti
garantiti dal Regolamento (Ce) 261/2004".

Il Codacons, a fronte di tale disponibilita' della compagnia aerea,
inviera' a Ryanairle mail dei passeggeri che si sono visti rifiutare la
compensazione in modo che la societa' possa spiegare le ragioni del
rifiuto, e pubblichera' le risposte della compagnia sul web.
com/mat

(fine)

MF-DJ NEWS
1012:21 ago 2018